Prestiti e Finanziamenti

Prestiti Senza Busta Paga

Al momento della richiesta di un finanziamento presso un ente creditizio, sia esso una banca o una società finanziaria, si noterà che in cima alla lista dei requisiti da possedere vi è spesso la prova di una retribuzione mensile.

Il motivo è facile da comprendere: chi eroga una somma, specie quelle consistenti, vuole accertarsi circa la capacità da parte del debitore di restituirla tramite le rate mensili, e possedere un impiego sicuro (possibilmente dimostrando di aver sottoscritto un contratto a tempo indeterminato) è tutt'oggi una delle garanzie più richieste dai finanziatori.

prestiti senza busta paga



Allo stesso tempo, questa procedura tende ad escludere dal credito una larga fascia di popolazione: giovani e studenti, ad esempio, non possono accedere facilmente a linee di finanziamento, così come neo-laureati, che come indicano le statistiche difficilmente ricevono delle proposte lavorative stabili subito dopo aver conseguito un titolo accademico.

Ugualmente, risultano non idonei al credito disoccupati e chi non ha un impiego fisso, ma non solo: anche liberi professionisti, lavoratori autonomi e free-lance possono imbattersi in restrizioni che limitano l'accesso al capitale. Senza parlare delle donne, che in Italia, rispetto ad altri paesi del nord Europa, incontrano maggiori difficoltà nel trovare occupazione. Tutto ciò significa che chi appartiene a queste categorie, specialmente chi lavora in maniera indipendente, debba abbandonare ogni speranza di ricevere un finanziamento? La risposta è no, in quanto esistono pur sempre delle opportunità che consentono di ricevere prestiti anche senza busta paga. Vediamo quali nei dettagli.

Se le banche sembrano essere maggiormente rigide nell'erogare dei finanziamenti a lavoratori autonomi, altri enti creditizi, come le società finanziarie o le società di prestiti tra privati, risultano più flessibili ed aperte, anche nei confronti di chi non possiede le tradizionali garanzie richieste dal mercato dei prestiti.

Presentandosi presso questi enti creditizi, si potrà richiedere un finanziamento anche privi della classica busta paga mensile: nella maggior parte dei casi, si dovrà presentare un CUD per dimostrare che comunque, anche in mancanza di un contratto di lavoro con un'azienda o un ente pubblico, si ricevono delle entrate regolari, seppur provenienti da un'attività indipendente.

Se disponibili, potranno essere presentate anche eventuali rendite finanziarie, come ad esempio quelle derivate dall'affitto di appartamenti o terreni. Al fine di consolidare ancora di più la propria reputazione creditizia, sarà utile reperire un fideiussore, ossia una terza persona disponibile a fungere da garante in caso di inadempienze nel pagamento delle rate del prestito. Tale garante potrà essere anche un membro del nucleo familiare, sempre se in possesso di credenziali in grado di rassicurare l'ente creditizio, come uno stipendio fisso o una buona pensione.

Come si può vedere, le possibilità di ottenere dei prestiti senza busta paga non sono così remote come si possa credere. Su internet si potranno trovare diversi siti che illustrano nei dettagli le offerte a disposizione, con tassi che possono essere confrontati tra loro tramite le piattaforme di comparazione dei costi del finanziamento. In questo modo, si potranno trovare in poco tempo le occasioni più convenienti presenti nel mercato dei prestiti, anche per chi non possiede una busta paga.